FALCO 2000…elettrificato

chi si rivede… in un mix di “vecchio” e nuovo…il  Falco elettrico

Quello che sto per mostrarvi, non è un modello autocostruito, ma è stato realizzato da mio padre da un particolare kit.

I modellisti più giovani forse non lo sanno, ma nei primi anni ’80 in Italia vennero prodotti due modelli particolari, in quanto realizzati totalmente in “polistirolo” (ovviamente di adeguata densità). Oggi è una consuetudine e non sorprende affatto, visto che adesso in commercio esitono una miriade di modelli in espanso…ma per l’epoca era una cosa davvero particolare…e con 20 anni di anticipo rispetto agli altri…

I modelli erano due semiriproduzioni, un’ala alta e un ala bassa, rispettivamente il Driver 1019 e il Falco…commercializzati fino agli anni ’90. Se avete già visitato il mio sito, avrete notato che tra i modelli a scoppio, vi è il “Falchetto”…che costruii in balsa riprendendo le linee proprio del Falco e usando un’ala originale che mi ritrovavo.

 

Il Falco è un modello che mi ha sempre affascinato, pur nella sua semplicità, per come era fatto e per le sue eleganti e belle linee, nonchè ovviamente per le sue ottime e piacevolissime doti di volo. Mio padre ne realizzò anche uno il livrea PAN, a scoppio prima ed elettrico poi, ma che a causa di una stupida spinetta, che fece ammutolire la TX si distrusse. Anche per questo motivo un anno fa, fui felicemente sorpreso di aver ritrovato un kit nuovo di un Falco che acquistai immediatamente.

Il modello in origine veniva motorizzato con motori glow da 3,5 a 5cc, ma il nostro I-FALC è  stato elettrificato con un brushless E-max da 1100 g/v, elica APC-Electric 9×4.5 e 4celle da 3000mA… una potenza superflua, ma consumi ridottissimi visto che quella effettiva richiesta, molto modesta.

 

L’uso di queste batterie però, compreso un pacco da 1300mA per l’U-Bec per l’impianto radio, ha permesso di centrare perfettamente il modello e solo per precauzione son stati aggiunti 15g di piombo nel muso.

 

 

I servi usati per i piani di coda, sono della classe 15g con ingranaggi in metallo e 2,5 kg di coppia a 6v, ma noi li abbiamo alimentati con i classici 4,8V. Gli alettoni hanno un servo standard con le classiche barre di torsione fornite nel kit.

 

Il modello poi è stato verniciato con colori spray all’acqua direttamente sul polistirolo. Poichè le vernici usate si sono dimostrate qualitativamente carenti, su tutto il modello è stata passato un velo di colla vinavil diluita.

Il peso finale è perfettamente in linea con quello di progetto, ovvero 1800g.

E’ un piacere volarlo, facile, bello da vedere e pilotare,realistico, un galleggione, divertente…insomma…avrete capito che anche il Falco mi piace molto.  A distanza di quasi 30 anni questo bel modello rende ancora felici.

 

 

 

 

Comments: 1

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>